Journal

Sicuramente un accostamento azzardato, o un volo di fantasia. Eppure gli schizzi progettuali di Renzo Piano mi ricordano moltissimo le opere di Georges Mathieu. Al di là della corrispondenza di linee verticali/oblique delle opere qui messe a confronto (volutamente scelte per enfatizzare il paragone), trovo che vi siano somiglianze nello stile compositivo delle loro opere.

sx: schizzo di Renzo Piano per il Parco Auditorium della Musica di Roma.
dx: Georges Mathieu “Hommage à Robert Le Pieux”, 1958

Sembra tutto ruotare attorno a un fulcro (talvolta composto da una, due o tre masse), da cui si dipartono linee libere, verso l’esterno, importanti tanto quanto la parte più concentrata. Vi sono poi diversi spessori e consistenze che veicolano lo sguardo da una linea all’altra.

sx: schizzo di Renzo Piano per il Jean-Marie Tjibaou Cultural Center in Nuova Caledonia.
dx: Georges Mathieu (1950/60)

Eh no, non tutti gli architetti adoperano questo stile. Basti vedere Alvaro Siza o Steven Holl:

sx: schizzo di Alvaro Siza
dx: schizzo di Steven Holl

Quasi sicuramente non ci sarà alcun nesso documentato e tangibile, saranno semplicemente figli dello stesso tempo.

Di certo sono entrambi straordinari.

Se vuoi essere aggiornato sui nuovi post, iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.